Fisco: nuove precisazioni sul Superbonus

 


In materia di Superbonus, forniti chiarimenti sulla realizzazione di intervento di ricostruzione, con criteri antisismici, del muro di contenimento che circonda un’unità residenziale indipendente, svolti congiuntamente ad altri interventi antisismici e di riqualificazione energetica (Agenzia delle entrate – Risposta 14 ottobre 2021, n. 706).

Nel caso di specie, il contribuente è proprietario di una casa indipendente sulla quale sono in programma interventi di riqualificazione energetica e risanamento sismico.
Il terreno costituente il basamento dell’immobile è contenuto a valle da un muro, avente funzione sia di contenimento che di sostegno del terreno, con evidenti segni di cedimento e conseguente abbassamento della quota del terreno in sua prossimità.
L’Istante, in base alle indagini geologiche effettuate, ritiene che il cedimento di detto muro possa altresì causare il cedimento del terreno di fondazione dell’immobile di proprietà ed è intenzionato a consolidare il muro di contenimento dell’immobile, ricostruendolo con criteri antisismici, al fine di garantire un adeguato confinamento del terreno di fondazione; pertanto, chiede se l’intervento possa rientrare tra quelli ammessi alla detrazione fiscale c.d. Superbonus.
In merito al suesposto quesito, l’Agenzia chiarisce che l’eventuale riconducibilità dell’intervento consolidamento del muro di contenimento dell’immobile, e ricostruzione dello stesso con criteri antisismici, al fine di garantire un adeguato confinamento del terreno di fondazione ed evitarne i cedimenti, ai fini del Superbonus, deve essere valutata dal professionista incaricato di asseverare l’efficacia dello stesso per la riduzione del rischio sismico.