CCNL PORTI: prime informazioni sull’accordo di rinnovo

 

Firmata il 24/2/2021, tra ASSITERMINAL, ASSOLOGISTICA, FISEUNIPORT, ASSOPORTI e FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, l’ipotesi di accordo per il rinnovo CCNL Lavoratori dei Porti.

L‘intesa di rinnovo, secondo la Dichiarazione delle parti firmatarie, sarà sottoposta alla consultazione dei lavoratori indetta dalle OO.SS. e alla valutazione degli organismi deliberanti delle Associazioni Datoriali. Successivamente, nel caso di esito positivo delle consultazioni, si procederà alla sottoscrizione formale dell’accordo.
La presente ipotesi di accordo, la cui scadenza è fissata al 31/12/2023, prevede quanto segue:

Aumenti retributivi
Verrà riconosciuto un incremento mensile a regime, novembre 2023, sul 4° livello pari a 100,00 euro lordi, di cui euro 20,00 a titolo di EDR, con le seguenti modalità temporali o tranche:
– dall’1/10/2021 euro 30,00;
– dall’1/7/2022 euro 20,00;
– dall’1/9/2023 euro 30,00;
– dall’1/11/2023 20,00 euro a titolo EDR.
Il suddetto EDR, uguale per tutti i livelli, sarà erogato per 13 mensilità (separatamente all’EDR di 10 euro di cui all’accordo del 15/12/2015) e non avrà incidenza su qualsiasi altro istituto contrattuale.

Una Tantum
Ai lavoratori in servizio alla data del presente accordo verrà riconosciuto un importo lordo onnicomprensivo una tantum, identico per tutti i livelli, rispettivamente di:
– 100,00 euro per 2021, da corrispondere a maggio 2021,
– 100,00 euro per 2022, da corrispondere a gennaio 2022,
– 100,00 euro per 2023, da corrispondere a gennaio 2023.
Per i lavoratori assunti dopo la data del presente accordo e per quelli che cesseranno il servizio nel corso del triennio 2021-2023 si procederà a quantificazione proporzionalmente ridotta pro quota mensile dei suddetti importi una tantum.
I sopra citati importi una tantum non concorrono nel computo di nessun istituto contrattuale.

Fondo di accompagno all’esodo anticipato
Per la contribuzione al tale Fondo, di cui al verbale d’intesa del 23/1/2020, le Parti prevedono, dall’1/1/2022, il versamento di un contributo mensile (per 13 mensilità) di euro 10,00, a carico dei datori di lavoro per ogni dipendente.