Attività gastronomica, si all’utilizzo di un distributore di caffè e bevande

 


In un esercizio commerciale abilitato alla panificazione, al vicinato alimentare e alla gastronomia calda e fredda è ammessa la collocazione di una macchina che eroga automaticamente caffè e altre bevande a patto che sia utilizzabile dai clienti in modo diretto ed autonomo, ossia senza alcun servizio assistito caratterizzante invece l’attività di somministrazione di alimenti e bevande (Ministero Sviluppo Economico – risoluzione n. 184409/2018).

Dopo essersi espresso sulla la collocazione di una macchina del caffè fornita in comodato d’uso che eroga le bevande tramite l’introduzione di cialde, questa volta il Ministero dello Sviluppo Economico si espresso sulla collocazione di un distributore automatico che eroga caffè e bevande.


In entrambi i casi il concetto è sempre lo stesso. Negli esercizi di vicinato legittimati alla vendita di prodotti alimentari, il consumo sul posto dei medesimi prodotti non può essere vietato o limitato se svolto con l’esclusione del servizio assistito.


Pertanto al collocazione all’interno dell’esercizio di un distributore automatico di caffè e bevande non è preclusa se è utilizzabile dai clienti in maniera diretta e in piena autonomia, senza servizio assistito di somministrazione.